Manutenzione campi da tennis in terra rossa coperti con struttura pressostatica

24 gennaio 2018

Quante volte nel periodo invernale vi siete ritrovati a giocare su dei campi con superficie in terra rossa coperti simili a delle piste di pattinaggio?

Chiunque di noi abbia mai giocato a tennis sa di cosa stiamo parlando.

Partiamo dal presupposto che questo fenomeno avviene in tutte le strutture coperte, dove più dove meno. Non è possibile eliminare completamente questo problema, ma seguendo i nostri semplici consigli, alla portata di tutti i gestori/manutentori di campi da tennis in terra rossa, si può comunque mantenere la superficie dei campi più che bene per i nostri cari tennisti.

Di quali consigli stiamo parlando? Qual è la corretta manutenzione da fare ai campi in terra rossa coperti con copertura pressostatica?

1° consiglio:
Tutte le sere, finito di giocare sui campi, stendere uno strato composto per metà da manto (per conferire il bel colore rosso tipico dei buoni campi in terra rossa) e l’altra metà da sotto-manto (potere legante, per miscelarsi in maniera ottimale alla superficie del campo) preventivamente miscelati a secco.
La quantità di terra da usare varia da 1 a 2 sacchetti totali per campo, questo poi sarà da valutare di volta in volta in base alla situazione del campo.

2° consiglio:
Arriviamo adesso alla parte più importante… l’acqua! Esatto… anche i campi coperti necessitano di essere annaffiati con regolarità. Non la stessa dell’estate, in inverno ne basta una di annaffiata ma fatta bene e nel momento giusto.

Quando annaffiare il campo da tennis in terra rossa? La sera, dopo aver messo in pratica il “primo consiglio”. Una bagnata generosa su tutto il campo (una bella allagata insomma). Questa operazione avrà un duplice obiettivo, preservare il più possibile la morbidezza del campo e far si che la terra aggiunta di volta in volta si leghi bene a quella già presente.

Facile no??!? Come detto prima “alla portata di tutti…”

Per qualsiasi dubbio o se avete altre domande non esitate a contattarci

 

Commenta questo articolo